La crescita, il periodo alcalino dell’Etna

La crescita, il periodo alcalino dell’Etna

Il monte Etna si è accresciuto attraverso una successione di edifici vulcanici. Ognuno di questi apparati costituiva un vero e proprio vulcano che nasceva, attraverso diecine o centinaia di eruzioni si accresceva, finiva la sua attività e veniva eroso e smantellato dagli agenti esogeni. Sui resti dell’edificio ne cresceva un altro con un suo distinto asse eruttivo.

Di edifici vulcanici cosi definiti, ne sono stati riconosciuti una diecina ma probabilmente altrettanti non sono per nulla riconoscibili in quanto completamente sepolti dagli edifici successivi.

Tra gli edifici di dimensioni maggiori è il Trifoglietto II (dai 70 ai 50 mila anni fa) che doveva raggiungere altezze di circa 2400 m. Attualmente questo edificio è del tutto smantellato, sulla bellissima parete della Valle del Bove sono esposti gli affioramenti di rocce piroclastiche che evidenziano uno stile particolarmente esplosivo della sua attività. L’esplosività è probabilmente collegata alle grandi quantità di acqua nell’edificio che vaporizzandosi frammentava il magma.

Intorno ai 30 mila anni fa l’attività eruttiva si sposta su un’asse eruttivo più occidentale rispetto ai precedenti ed inizia a crescere il più importante ed imponente degli edifici vulcanici alcalini cioè l’Ellittico. I suoi prodotti, sia colate laviche che piroclastiti, costruirono un edificio di dimensioni notevoli che, prima del collasso calderico avvenuto 15 mila anni fa, doveva superare i 4000 m. Adesso l’edificio dell’Ellittico, anche se profondamente eroso, costituisce l’ossatura morfologica del massiccio etneo. Tra i prodotti del centro dell’Ellitico si riscontrano i termini più differenziati dell’intera successione vulcanica di serie alcalina che coprono un intervallo composizionale cha va da basalti alcalini (rari) a trachiti. Gli affioramenti più significativi di questo apparato si ritrovano sulla parete occidentale della Valle del Bove, a Punta Lucia, ed a Pizzi Deneri. Il nome Ellittico deriva dalla forma, appunto di ellisse (2 km asse maggiore ed 1 km asse minore), della caldera che ha segnato la fine della sua attività.

Dott. Ferlito Carmelo

La storia dell’Etna

La storia dell’Etna

“Etna fumoso, colonna del cielo, perenne nutrice di fulgida neve, tra le cui latebre rigghiano fonti purissime d’orrido fuoco” - Con questi versi Pindaro, nel V secolo a.C., esprimeva la sua ammirazione ed il suo profondo rispetto per quell’insondabile fenomeno della...

leggi tutto
Gli inizi, il periodo Tholeitico

Gli inizi, il periodo Tholeitico

Il vulcano etneo è localizzato in un’area geologicamente complessa. Il quadro geodinamico è dominato dalla subduzione dell’avanpaese africano e della crosta oceanica ionica al di sotto della catena appenninica. Secondo una visione classica e per lo più accettata,...

leggi tutto
Il periodo moderno e attuale

Il periodo moderno e attuale

I prodotti effusi dopo la formazione della caldera del Piano costituirebbero il “Mongibello moderno” e comprenderebbero tra l’altro tutte le colate storiche dell’area etnea e naturalmente gli attuali crateri sommitali. Nei prodotti del Mongibello recente è stata...

leggi tutto
Origine della Valle del Bove

Origine della Valle del Bove

L’impressione più immediata che si ha dell’Etna da un aereo in volo, o guardandone un suo plastico in scala, è che il perfetto cono vulcanico manchi di una fetta grande quanto un intero versante, quasi che una gigantesca paletta da torta avesse asportato di netto...

leggi tutto